InsegnAMAre #3

Domani inizia un nuovo anno scolastico qui nel Lazio, anno che, voglio sperare solo per adesso, non mi vede coinvolta.
Ancora nessuna convocazione.

Ciò che mi rende triste è sapere che nella scuola dove ho lavorato l’anno scorso la cattedra è già stata assegnata… non avrò il piacere di accompagnare le ex seconde nel loro ultimo anno, verso la conclusione del primo ciclo di istruzione.

Avrò tempo di preparare l’orale per un concorso iniziato questa estate e che ancora non ci hanno fatto finire.

Avrò tempo per aumentare il punteggio in graduatoria attraverso i vari corsi offerti.

Per il resto…. non mi resta che dire….

嘉佑 (Jiā yòu)
ガンバッテ (Ganbatte)

BUONA FORTUNA A TUTTI PER QUESTO NUOVO ANNO SCOLASTICO

Miss Elena

Insegn(AM)are #2

La mia esperienza nella scuola è iniziata quasi per caso parlando con una mia amica nel Novembre del 2019 e a Ottobre 2020 mi sono ritrovata con la prima supplenza. Breve mi era stato detto.

Sono passati 218 giorni, e ho ancora Giugno.

Sono stati lunghi, intensi, emozionanti. Molte volte stancanti, alcune situazioni riescono davvero a svuotarti.
Poi però ci sono quei sorrisi, quelle grida entusiaste quando finalmente hanno capito un concetto nuovo, diverso, complesso. Ci sono le espressioni di stupore quando i voti superano le loro aspettative. E tanto altro ancora che ti porta ad amare quello che non è un lavoro, ma una missione su terre inesplorate: le loro menti, le loro anime, i loro spiriti.

Ma gli adempimenti di fine anno per i docenti non si concludono all’8 Giugno… soprattutto se sei docente di una classe III.

L’esame.

Ho più ansia di questo che di tutti gli esami che ho sostenuto in vita mia… sicuramente perché sarò “quella” che pone le domande.

Però sono sicura che, quando al 30 Giugno sarà tutto finito, i miei ragazzi mi mancheranno, tutti e cinquasette. Mi mancherà l’aria della scuola, l’odore del disinfettante, la campanella a scandire ogni ora, quei pavimenti che trovi in ogni edificio scolastico sul suolo italiano.
Non mi mancheranno le interminabili ore passate davanti al PC impegnati in mille riunioni (chi lo sapeva che ogni settimana usciva fuori qualcosa… e meno male che per l’emergenza COVID-19 erano online).
Mi mancheranno i miei colleghi, alcuni… di certo non tutti. Mi hanno iniziato a questo lavoro, senza stancarsi delle mie infinite domande.
Sempre alcuni.
La scuola è in chiusura, e io conto i giorni ormai, più di quando mi sedevo tra quei banchi.
-7 giorni

Miss Elena

Insegn(AM)are #1

Ciao a tutti!

Ho deciso di inaugurare questa nuova rubrica, i cui rilasci saranno del tutto casuali, Insegn(AM)are, per raccontarvi un po’ dall’interno cosa vuol dire per un nuovo docente entrare nella scuola italiana.

Come vi avevo annunciato in questo articolo, ho iniziato il mio lungo percorso da insegnante nella scuola secondaria di primo grado, per il momento almeno.
Il concorsone scuola 2020 sembra ancora lontano, nessuna data, nessuna novità. Si aspetta che la situazione epidemiologica si normalizzi. E nel frattempo, si rimane insieme a molti altri italiani, nel precariato. Ma non ci possiamo lamentare fin tanto si riesca a lavorare e a fare ciò che ci piace.

Ma oggi voglio parlarvi di quello che ho imparato io durante questa esperienza da docente.

Condividere, non insegnare.
Mettersi a disposizione degli alunni, non impartire loro una lezione.
È quello che sto cercando di fare da quando il 21 Ottobre 2020 sono entrata in aula per la prima volta. Non dietro la cattedra in posizione sopraelevata rispetto a loro, ma davanti… il più vicino possibile. Restrizioni anti-COVID permettendo.
È ancora una esperienza strana, che mi porta a imparare cose nuove ogni giorno.
I ragazzi sono una fonte inesauribile di energie e strani processi mentali che se fino a qualche anno fa mi erano noti, ora sono completamente estranei.
Sono convinta che se non ami le cose che racconti, anche quelle più complicate, non puoi spiegarle nel migliore dei modi.
Questo, in definitiva, è ciò che ho imparato in questi mesi di lavoro.

Se qualcuno sta affrontando gli stessi dilemmi dell’insegnamento sarei felice di scambiarci opinioni, idee, notizie e quant’altro.

Miss Elena aka Prof.ssa Elena

Aggiornamenti

Ciao a tutti!

Spero stiate bene, e che stiate tutti seguendo scrupolosamente le buone norme del distanziamento sociale per far sì che tutto finisca quanto prima.

È passato davvero troppo tempo dal mio ultimo post, ma sono sempre qui! Ho avuto da fare, sto preparando il concorso scuola (rimandato per ora a data da destinarsi) e poi ho intrapreso un percorso di lavoro tutto nuovo.

Sono una delle tante supplenti che affollano la scuola italiana in questo periodo di confusione, e ritrovarmi gettata nella fossa dei leoni non mi ha lasciato tempo per molto altro.

Per la gioia dei miei studenti di scuola media insegno loro Matematica e Scienze… appena avrò accumulato un po’ di aneddoti interessanti e divertenti li condividerò con voi tutti!

Nel frattempo

stay safe, stay happy, keep calm and take social distance

Miss Elena

“Un saluto da città laggiù”

Ciao,

Avevo creduto che in queste settimane di lockdown avrei avuto più tempo per continuare i capitoli delle due novel erotiche che sto pubblicando qui:

E invece la convivenza forzata, i ritmi sballati, l’aver perso il lavoro, l’approfittare per pulizie approfondite di tutti gli ambienti, lo stress emotivo e psicologico e le ore che impiegavo per una spesa di 10 minuti, l’aver scoperto tiktok, per non parlare del fatto che una settima prima di tutto questo mi ero iscritta a due corsi online e quindi ho avuto, e ancora ora, da studiare…

Insomma non ho avuto il tempo di prendere in mano la penna.

Per questo motivo mi scuso con tutti voi, con quelli che li avevano letti e volevano sapere come andava avanti.

Non ho abbandonato le storie, le continuerò di sicuro.

Pazientate insieme a me,

Miss Elena