È tempo di Fracture me

Eccomi, sono tornata! Ho letto #2.5 Fracture me di Tahereh Mafi come promesso.

Se con il precedente racconto abbiamo scorto la mente di Warren, ora possiamo leggere quella di Adam.

(…) La tensione è così spessa che è come una persona che occupa un posto a sedere che non abbiamo (…)

Non ho ritrovato la bellezza dei precedenti libri, spero che il seguito #3 Ignite me  (i racconti dovrebbero essere conclusi) sia più soddisfacente. Forse la mancanza di attrattiva deriva dall’avere inconsciamente deciso di preferire Warren ad Adam, e nel leggere la sua mente diventa chiaro perchè non riesco più a sopportarlo. Quell’aria da candido eroe non riesco proprio a sopportarla, Warren d’altra parte è un personaggio più reale.

Il racconto si basa su una sola giornata, il primo (ed ultimo) giorno della battaglia. Si contano i morti e i feriti, e si scende a patti con le decisioni prese sul campo di battaglia.

Credo che questa esperienza con Kenjii l’abbia fatta tornare indietro. Capisco che è qui solo per metà, perchè il suo sguardo non è concentrato e le sue mani si muovono in modo meccanico. Lo fa spesso. È come se a volte semplicemente sparisse, come se si ritirasse in un angolo del suo cervello e rimanesse lì per un pò, pensando a qualcosa che non rivelerà mai.

E voi cosa nè pensate? 

Spero che il seguito non mi deluda, Ciao! 

Miss E.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...